sabato 3 settembre 2011

Spaghetti alla matalotta

L'arrivo dei nostri ospiti è stato aperto con una bella cenetta preparata da me....considerata la nostra passione per la cucina, ci sembrava il modo più ospitale per accoglierli....infatti la mia pasta ha avuto molto successo..

Ricetta per 6 persone
  • 1 scorfano rosso di 2 Kg circa (in siciliano "cipuddazza")
  • 2 cipolle bianche o 1 cipolla di giarratana
  • 2 cucchiai di capperi
  • 2 cucchiai concentrato di pomodoro 
  • olio extra vergine di oliva
  • acqua q.b a coprire il pesce
  • sale q.b.
Tagliate la cipolla a julienne a soffriggetela in padella finchè non diventa dorata.
A questo punto aggiungete i capperi e concentrato di pomodoro. 
Una volta miscelato il tutto, mettete il pesce (lavato e pulito) in padella e aggiungete acqua finchè il pesce non è del tutto coperto.
Salate a piacere.
Cucinate per circa mezz'ora (il tempo di cottura dipende dalle dimensioni del pesce). Quando il pesce è cotto, toglietelo dalla padella e lasciate stringere il sughetto con la fiamma al minimo.
Adesso arriva il momento più delicato: pulite il pesce attentamente cercando di togliere tutte le spine e rimettetelo in padella insieme al sughetto.
Lasciate cucinare altri 10 minuti in modo che il pesce si insaporisca bene.
Mettete l'acqua per la pasta.
Fate cucinare gli spaghetti metà del tempo in pentola e poi continuate la cottura in padella insieme al sugo aggiungendo, se necessario, acqua di cottura.
Buon  appetito!!


Testi ed immagini sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. 
Copyright © Lella la fornella - All Rights Reserved




20 commenti:

  1. non conoscevo questa pasta che deve essere molto buona, ma come mai i tuoi ospiti non volevano far proprio nulla? eppure la sicilia è bellissima e invoglia proprio a stare all'aperto per scorpirla. bacione

    RispondiElimina
  2. Non avevo ancora visto il tuo blog complimenti!
    Questa pasta deve essere squisita così cremosa e saporita.Una curiosità da umbra: che significa matalotta?

    RispondiElimina
  3. Stefania: anch'io mi sono chiesta il motivo del loro comportamento, ma onestamente non l'ho proprio compreso...e anche quando li spronavamo ad uscire, loro rispondevano "si si" e poi rimanevano a casa....boh....

    Grigiola: matalotta è un termine dialettale che deriva dal francese "matelot" e significa "marinaio".... :-) ...in sostanza è una "pasta alla marinara"

    RispondiElimina
  4. Mai sentita questa ricetta!! molto interessante...ha tutti ingredienti che mi piacciono!..comunque tu sei troppo buona..io li avrei.. SPEDITI!!!!

    RispondiElimina
  5. Ahahahahaha Ilaria hai proprio ragione, siamo stati troppo buoni anche se dopo 5 giorni li abbiamo praticamente cacciati via e il mio ragazzo gli ha scritto una lunga email in cui ha chiarito che non saranno mai più i benvenuti a casa nostra ovunque essa si trovi!!! :-)
    La pasta alla matalotta esiste in diverse versioni...più brodosa con la pasta corta (ma fa troppo caldo per il brodo al momento) oppure con un insieme di pesci più piccoli che danno mooolto sapore.
    Alla prossima occasione pubblicherò la ricetta sul blog :-)

    RispondiElimina
  6. Ciao Lella ,questa ricetta non la conoscevo.....brava.E poi per i tuoi ospiti...fregatene,lìospite è come il pesce dopo tre giorni ...puzza...dovevi rispedirlo prima a casa...Baci

    RispondiElimina
  7. Eh sì Laura, siamo stati fin troppo cortesi con i nostri ospiti....per fortuna adesso lo raccontiamo ridendo :-)

    RispondiElimina
  8. Io non avrei retto e li avrei chiusi fuori! ahahahahahahah cmq davanti ad un piatto così anche io mi metterei più che volentieri a "pensione" da te :DDDDD

    RispondiElimina
  9. ahahahahaha, bella idea Laura..potevo chiuderli fuori!!! :-)
    Matalotta ottima, ma FUNESTA!! ;-)

    RispondiElimina
  10. Non conoscevo questa ricetta, è un piatto molto interessante! Mi unisco ai tuoi lettori! ;)

    RispondiElimina
  11. wow....questa pasta sembra ottima.....mi sono appena iscritta tra i tuoi sostenitori....passa a trovarmi e fai altrettanto se ti va! Ti aspetto...stefy

    RispondiElimina
  12. Ciao Lella, piacere di conoscerti con questi sfiziosissimi spaghetti, che bontà!!!!! Mi unisco ai tuoi lettori, e ti aspetto a trovarmi, bacioni!

    RispondiElimina
  13. bella la pasta.. ottima davvero: brava! e brava a sopportare i tuoi ospiti.. che intanto si sono gustati la tua cucina!!porta pazienza e.. intanto mi unisco al tuo blog!a presto... magari da me, se ti va!ciao

    RispondiElimina
  14. Speedey70 e Luisa grazie per le belle parole, mi unisco volentieri ai vostri blog :-)

    RispondiElimina
  15. Ciao,visto la vostra pazienza, ora che avete la casa libera....quando posso arrivare!!!!!
    A parte gli scherzi, veramente siete stati troppo ospitali!!!
    Molto interessante questo piatto che sa di mare e profuma di Sicilia!!!
    Baci

    RispondiElimina
  16. ahahahahaha simpaticissima Laura!! :-)

    RispondiElimina
  17. Se viene Laura vengo anche io! Sei tanto brava a cucinare! La ricetta sembra ottima; come fare a rifiutare? Un saluto alla tua Sicilia e un grande bacione ... a presto

    RispondiElimina
  18. Ahahahaha che ridere...in effetti sarebbe divertente fare un bel raduno...soprattutto per la nostra pancia ;-)

    RispondiElimina
  19. Mamma mia che squisitezza Lellaaaaaa!!!!!!!!!!! Complimenti!!! :-)

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un messaggio sul blog, il tuo commento sarà visibile subito dopo l'approvazione.